Sigarette elettroniche, Salvini: «Elimineremo la tassa immediatamente»

sigarette elettroniche

Eliminare la tassa sulle sigarette elettroniche alla prima data utile: questa la posizione del leader leghista sul vaping.

La tassa sulle sigarette elettroniche? Secondo il leader della Lega Matteo Salvini è un provvedimento «assolutamente demenziale». Lo ha detto ai microfoni di Radio Radicale, rispondendo alle domande degli ascoltatori. Come riporta Sigmagazine, per Salvini «l’Italia ha fatto l’esatto contrario di quello che fa tutta Europa. Tutta Europa aiuta e incentiva l’interruzione del fumo, aiutando quelle che sono le alternative come la sigaretta elettronica, il fumo elettronico, quantomeno perché lo Stato risparmia in salute e in costi sociali».

L’Italia, invece, ha fatto il contrario: «l’ultimo governo ha raddoppiato le tasse sulle ricariche per le sigarette elettroniche, 30 mila posti di lavoro a rischio, 2 mila negozi a rischio, 2 milioni di consumatori in Italia presi in giro per incassare qualche spicciolo».  Perché, prosegue Salvini, «il problema dello Stato è che ha messo una tassa che farà perdere più di quanto incasserà».

Da qui l’impegno, confermato anche a seguito dei risultati elettorali del 4 marzo, ad abolire la tassa sulle sigarette elettroniche. «Toglieremo questa regola che va contro la salute ma va anche contro l’interesse del bilancio dello Stato». Non solo: sullo stesso sito web è possibile vedere la bozza di decreto legge che Salvini ha promesso di voler presentare al Consiglio dei Ministri alla prima data utile. «Gli impegni presi si rispettano», ha aggiunto. «Non vedo l’ora di andare al governo per passare dalle parole ai fatti».

Leggi tutte le promesse di Matteo Salvini

Redazione La Clessidra

Redazione La Clessidra

LEAVE A COMMENT