Fincantieri-Stx: raggiunto l’accordo. L’Italia costretta ad un passo indietro

fincantieri

Francia e Italia si dividono a metà la proprietà di Stx. Parigi si impegna a cedere l’1% delle proprie azioni a Fincantieri per 12 anni, ma potrà reclamare la quota in qualunque momento.

 

Il braccio di ferro tra Francia e Italia sul caso Fincantieri-Stx si conclude con un un mezzo passo indietro della seconda in favore della prima. Sulla base dell’accordo raggiunto, infatti, Fincantieri diventerà proprietaria del 50% dell’azienda navale, anziché del 51% (come richiesto dai ministri Padoan, Calenda e Pinotti). I francesi manterranno la proprietà della restante metà delle azioni. Come “rimborso”, Parigi si impegnerà a prestare per 12 anni l’1% della sua quota alla società italiana. Ad una condizione: che vengano mantenuti gli impegni sui livelli occupazionali. «Se le promesse non verranno mantenute – si legge sul quotidiano francese Le Mondela Francia potrà recuperare il suo prezioso 1% e togliere a Fincantieri il suo ruolo dominante».

LEGGI ANCHE: Caso Fincantieri-Stx, Calenda: «L’Italia non arretra di un millimetro»

Si tratta, prosegue il giornale, di una privatizzazione ad elastico, nella quale entrambe le parti possono mostrarsi vincitrici in casa propria. «Gli italiani perché, come desideravano, otterranno il 51% che conferisce il controllo dei cantieri francesi per appena qualche decina di milioni. I francesi perché, senza dover ricredersi completamente, metteranno fine ad un conflitto imbarazzante con l’Italia e manterranno un occhio vigile su un sito considerato strategico».

L’accordo è comunque fonte di imbarazzo per il governo italiano. Padoan, Calenda e Pinotti, infatti, avevano a più riprese escluso la possibilità di un accordo senza la garanzia che Fincantieri avrebbe ottenuto il ruolo di maggioranza. Il testo sottoscritto da Gentiloni a Lione, tuttavia, espone l’Italia all’arbitrio della Francia che, di fatto, potrà fare dietrofront qualora dovesse riscontrare qualunque tipo di violazione.

L’ipotesi non è del tutto campata per aria: basti pensare che il passaggio di Stx a Fincantieri era già stato sottoscritto dall’ex presidente della Repubblica Francois Holland, per essere poi stracciato da Emmanuel Macron.

PROMESSA NON RISPETTATA

Leggi tutte le promesse di Carlo Calenda.

 

 

Daniele

Daniele

LEAVE A COMMENT