Salvini: Nel primo consiglio dei ministri elimineremo sette accise della benzina

accise

La dichiarazione davanti ad una telecamera come avvenne per Matteo Renzi nel 2014.

«Impegno concreto, realizzabile, fattibile per eliminare le accise della benzina. Più della metà del costo della benzina se ne va in tasse. Cosa faccio se vado al governo? Non ho bacchette magiche, ma faccio giustizia e le taglio. Finanziamento alla guerra in Etiopia, crisi di Suez, Vajont, alluvione Firenze, terremoto del Belice, terremoto in friuli, terremoto in Irpinia, missione militare in Libano del 1983. Non possiamo avere la benzina più cara d’Europa perchè significa avere il costo della vita più caro d’Europa. Se sarò al governo eliminerò ognuna di queste accise riducendo il costo della benzina di 0.72 centesimi. Lasceremo euro in più nelle tasche degli italiani. Con me una tassa di 80 anni fa non esisterà più».

Così Matteo Salvini sul suo canale youtube promette la cancellazione di una serie di accise che si sono accumulate negli anni senza mai essere eliminate, nonostante le varie fasi emergenziali fossero da da tempo terminate. Il leader della Lega in un altro intervento alla Scuola di Formazione Politica del partito, indica nel primo consiglio dei ministri il momento in cui le tasse verranno eliminate. Al centro di molte campagne elettorali, le tasse sulla benzina sono già state prese di mira in passato da vari candidati che, una volta al governo, non sono riusciti però ad eliminare. Penultima, in ordine di tempo, fu la dichiarazione di Matteo Renzi nel salotto di Bruno Vespa che a maggio 2014, promise la cancellazione di “tutte queste voci ridicole”.

PROMESSA NON RISPETTATA (leggi QUI)

Leggi tutte le promesse di Matteo Salvini

 

Mauro Pileri

Mauro Pileri

LEAVE A COMMENT