Aveva detto «senza maggioranza mi ritiro»: Berlusconi ci ripensa

berlusconi

Berlusconi ci ripensa e, nonostante avesse promesso di ritirarsi in caso la coalizione non avesse ottenuto la maggioranza, mantiene un ruolo centrale nelle vicende politiche del post-voto.

«Se non ho la maggioranza io mi ritiro». Con queste parole, pronunciate in piena campagna elettorale, Silvio Berlusconi annunciava ai propri elettori l’intenzione di lasciare la politica in caso di mancata vittoria alle elezioni del 4 marzo.

Leggi anche: Elezioni 2018, Berlusconi: «Senza maggioranza piena mi ritiro»

Oggi, a quasi due mesi dal voto che ha visto il centro-destra affermarsi come prima forza politica e il Movimento 5 Stelle come primo partito, il leader di Fi non mostra alcuna intenzione di sparire dalle scene. Anzi: rappresenta l’ago della bilancia che, almeno fino ad ora, ha impedito la formazione del nuovo esecutivo. I veti posti dai 5 Stelle a Forza Italia, a cui hanno fatto seguito le dure dichiarazioni di Berlusconi nei confronti di Di Maio, hanno di fatto reso impossibile la formazione di un governo tra il Movimento e la Lega, che finora si è sempre rifiutata di separarsi dallo storico alleato.

In quella stessa occasione, commentando una possibile vittoria del Movimento 5 Stelle, Berlusconi aveva affermato: «È colpa degli italiani se non sanno giudicare chi è capace da chi invece non ha mai fatto niente. Vuol dire che siamo un popolo che non merita nulla. Ma penso che gli italiani avranno buon senso»

PROMESSA NON RISPETTATA

Leggi tutte le promesse di Silvio Berlusconi

 

Redazione La Clessidra

Redazione La Clessidra

LEAVE A COMMENT