Di Maio apre a Salvini: «Rinuncio alla premiership ma no a Berlusconi»

di maio

Nuova proposta di Di Maio a Salvini: «Premier terzo per abolire la legge Fornero e realizzare il reddito di cittadinanza. Ma senza Berlusconi».

«Se il punto è realizzare qualcosa per gli italiani, un programma elettorale, e l’ostacolo sono io, le persone devono sapere che quell’impuntatura non c’è. Se è per il bene delle persone, io faccio un passo indietro». Con queste parole Luigi Di Maio, ospite di Lucia Annunziata a In mezz’ora, annuncia la sua disponibilità a rinunciare alle proprie ambizioni sulla premiership per facilitare la nascita di un governo Lega-Movimento 5 Stelle. Ed è proprio al leader del Carroccio che si rivolge Di Maio, chiedendogli di scegliere insieme «il presidente del Consiglio a condizione che sia a capo di un governo M5S-Lega e realizzi il reddito di cittadinanza e l’abolizione della legge Fornero».

La proposta, dunque, è quella di un esecutivo – che per Di Maio potrebbe essere guidato anche da «un profilo terzo» rispetto ai due partiti – con l’obiettivo di realizzare alcuni tra i punti programmatici più importanti per il Movimento. Resta comunque il no a Berlusconi, che il leader pentastellato vuole fuori dal governo. «Apparteniamo a epoche politiche diverse», spiega Di Maio. «Ora siamo in un’altra fase, i politici fanno un passo indietro e i cittadini uno avanti. È difficile immaginare che un vecchio politico possa realizzare il reddito di cittadinanza. Noi proponiamo un governo politico con la Lega su alcuni punti, ma via Berlusconi».

La proposta di Di Maio arriva in extremis, il giorno prima dell’ultimo giro di consultazioni, dopo il fallimento del dialogo con il Pd sancito dall’esito della Direzione del 3 maggio. Diverse le reazioni del centro-destra: se Salvini manifesta apprezzamento per le parole del capo politico del Movimento, Forza Italia e Fratelli d’Italia fanno trapelare una certa ostilità.

PROMESSA RISPETTATA (leggi QUI)

Leggi tutte le promesse di Luigi Di Maio

Daniele

Daniele

LEAVE A COMMENT