Sì degli elettori leghisti al contratto di governo. Salvini: «Chiuso il nodo premier»

contratto di governo

Gli elettori leghisti danno il via libera al contratto di governo tra M5S e Lega. Attesa per l’incontro al Quirinale. Salvini: «Nome equilibrato per il premier».

Si è conclusa nella giornata di ieri la due giorni di consultazioni organizzata dalla Lega. Gli elettori del Carroccio hanno potuto esprimersi sul contratto di governo nelle centinaia di gazebo presenti nelle principali città italiane. Come già successo per il Movimento 5 Stelle, anche per la Lega si è trattato di un vero e proprio plebiscito: il 91% dei votanti (215 mila cittadini) ha approvato l’accordo. «Per la Lega – si legge in una nota – si tratta di un ottimo risultato, eccezionale la partecipazione».

Mentre gli elettori votavano, Matteo Salvini e Luigi Di Maio erano impegnati in un lungo colloquio terminato intorno alle 13. Al centro dell’incontro il nodo della premiership e della futura squadra di governo. Un nodo che sembra essere stato finalmente sciolto, come confermato dal leader della Lega nel corso di una conferenza stampa nel pomeriggio: «Stamattina abbiamo chiuso su nome del premier e squadra di governo e speriamo che nessuno metta veti su una scelta che rappresenta la volontà della maggioranza degli italiani».

Il presidente del Consiglio, ha assicurato, sarà «un nome equilibrato che soddisfa noi e loro, ora aspettiamo un segnale dal Quirinale». Le parole di Salvini fanno eco a quelle di Di Maio che, nei giorni scorsi, aveva definito il futuro capo del Governo un «amico del popolo». Non è esclusa la presenza dei due leader all’interno della squadra di governo: le prime indiscrezioni vedono il leader della Lega al ministero degli Interni e quello del Movimento 5 Stelle al Lavoro o allo Sviluppo economico.

Il colloquio al Quirinale dovrebbe svolgersi questo pomeriggio.

Leggi tutte le promesse di Matteo Salvini

 

 

Redazione La Clessidra

Redazione La Clessidra

LEAVE A COMMENT