Aborto, Fontana: «Potenzierò i consultori per dissuadere le donne»

aborto

La posizione di Lorenzo Fontana sull’aborto fa già discutere. Ma il neo-ministro spiega: «La natalità è la chiave per rilanciare la crescita».

Nonostante abbia appena prestato giuramento, su Lorenzo Fontana si è già detto molto. Sappiamo che il nuovo ministro della Famiglia e delle disabiltà è un cattolico intransigente, strenuo difensore della famiglia tradizionale e fiero oppositore della normalizzazione dell’aborto.

Proprio quest’ultimo tema è presentato dal neo-ministro come la priorità assoluta del suo dicastero: «Voglio intervenire per potenziare i consultori così da cercare di dissuadere le donne ad abortire», ha dichiarato nell’intervista di ieri al Corriere della Sera. «Sono cattolico, non lo nascondo. Ed è per questo che credo e dico anche che la famiglia sia quella naturale, dove un bambino deve avere una mamma e un papà».

Una questione etica, certo, ma anche una necessità demografica. Occorre «lavorare per invertire la curva della crescita che nel nostro Paese sta diventando davvero un problema», ad esempio abbassando l’Iva per i prodotti riguardanti l’infanzia e – appunto – disincentivando l’aborto.

Leggi tutte le promesse di Lorenzo Fontana

Redazione La Clessidra

Redazione La Clessidra

LEAVE A COMMENT