Tav, Toninelli: «Valuteremo costi e benefici prima di decidere»

tav

In campagna elettorale il M5S ha promesso la cancellazione della Tav, ma nel contratto si parla esclusivamente di una rivalutazione. È scontro con Chiamparino: «Dovranno passare sul mio corpo».

Si parla ancora di Tav. A far tornare d’attualità la discussione sul collegamento ad alta velocità tra Torino e Lione è Danilo Toninelli, neo-ministro per le Infrastrutture, che negli scorsi giorni si è espresso su uno degli argomenti che più stanno a cuore al Movimento 5 Stelle. In visita al Salone dell’Auto, Toninelli ha dichiarato: «Valuteremo opera per opera costi e benefici. La Tav è nel programma di governo per una rivalutazione. Lo decideremo conti alla mano». È importante, ha poi precisato l’esponente pentastellato, valutare anche i vantaggi per i cittadini. In ogni caso, ha assicurato ai cronisti, «nel giro di poche settimane inizieremo a dare le prime risposte».

Nessuna certezza, dunque. Il Movimento 5 Stelle in campagna elettorale aveva promesso lo stop ai lavori della Tav, suscitando le reazioni del governo francese e della stessa Unione Europea. Nel contratto di governo con la Lega, tuttavia, l’argomento è stato trattato solo marginalmente. Al suo interno infatti si propone esclusivamente di «ridiscutere il progetto nell’applicazione dell’accordo tra Italia e Francia»: una posizione ben diversa rispetto all’originaria richiesta di cancellazione dell’opera.

Sul tema si è espresso con forza anche Sergio Chiamparino, presidente della Regione Piemonte. «Finché sono qui prima di bloccare la Torino-Lione devono passare sul mio corpo», ha dichiarato in Consiglio regionale. «Fermare la Tav vuol dire privare Piemonte e Nord Ovest per i prossimi 50 anni di un flusso di merci che se non passa da qui si sposterà a nord delle Alpi. Dal Consiglio regionale – ha proseguito rivolgendosi ai suoi colleghi – mi attendo un segnale forte, che impegni la Giunta a chiedere un incontro urgente col governo per impedire un grave danno al Piemonte e all’Italia».

Parole alle quali ha replicato lo stesso Toninelli: «Chiamparino dice che dovremo passare sul suo corpo per bloccare la Torino-Lione. Chiamparino fa delle belle battute, ma deve stare tranquillo. Non passeremo sul suo corpo perché su quella linea potrebbe non passare nessun treno».

PROMESSA NON RISPETTATA (leggi QUI)

Leggi tutte le promesse di Danilo Toninelli

Redazione La Clessidra

Redazione La Clessidra

LEAVE A COMMENT