Ilva, Salvini in Puglia: «No alla chiusura, bisogna ridurre l’inquinamento»

Ilva

Il leader della Lega ha rassicurato i lavoratori dell’Ilva: «Nessuno pensa di chiudere. Il nostro impegno per coniugare lavoro, salute e ambiente».

Anche Matteo Salvini interviene sul futuro dell’Ilva. Un tema, questo, particolarmente delicato: da un lato migliaia di posti di lavoro che rischiano di saltare; dall’altro la necessità di tutelare la salute di una città e di un intero territorio.

Nel suo tour in Puglia in vista delle amministrative di domenica, il leader della Lega ha ribadito che «i posti di lavoro sono sacri» e che «nessuno pensa di chiudere domani, non siamo qua per chiudere». La sfida, semmai, è «produrre con compatibilità ambientale» tutelando contemporaneamente «lavoro, salute e ambiente, inquinando sempre meno e producendo sempre meglio».

Le parole del neo-ministro fanno seguito a quelle di Beppe Grillo che, in un videomessaggio comparso ieri sul proprio blog, ha affermato: «Nessuno ha mai pensato di chiuderla. Ci sono circa 2,2 miliardi di euro che sono stati immessi in un fondo quando l’Europa si chiamava Ceca dalle imprese di carbone e acciaio proprio per i pensionamenti dei lavori usuranti e per le bonifiche». Anziché chiudere lo stabilimento, e dato che l’Ilva è la più grande centrale dell’acciaio d’Europa, «potremmo cercare di accedere direttamente a questo fondo che attualmente è gestito dal Consiglio europeo e messo, credo, all’ingrasso in qualche fondo tripla A tedesco. Ho sempre sognato – ha concluso – che questo bellissimo golfo di Taranto tornasse a essere una cosa meravigliosa con tecnologie di energie rinnovabili, con centro per le batterie».

A Grillo ha risposto l’ex ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda, secondo il quale le parole del fondatore del Movimento sarebbero «deliranti». «Ho visto il video di Beppe Grillo dove da terrazza sul mare, stile grande Gatsby, delirava su riconversione in parco giochi della prima acciaieria europea che dà lavoro a 14.000 operai e mi sono venuto i brividi», ha affermato Calenda.

Comunque vada, la questione Ilva è uno dei temi più scottanti che l’attuale governo dovrà affrontare. Il dossier è già sulla scrivania di Luigi Di Maio al MISE.

Leggi tutte le promesse di Matteo Salvini

 

Redazione La Clessidra

Redazione La Clessidra

LEAVE A COMMENT