Di Maio: «Via subito lo spesometro, poi il reddito di cittadinanza»

spesometro

Il ministro assicura: «Prima i provvedimenti a costo zero come l’abolizione dello spesometro. Poi reddito di cittadinanza e superamento della legge Fornero».

Un Di Maio a tutto tondo quello che nella giornata di ieri ha partecipato a Mezz’ora in più di Lucia Annunziata. Numerosi gli argomenti affrontati dal neo-ministro: dalle grandi opere alla legge di bilancio, dai rapporti con l’Unione Europea al capitolo delle nomine per completare l’esecutivo.

A tenere banco è stata la discussione sulla legge di bilancio da approvare entro fine anno – «l’appuntamento più importante», l’ha definita Di Maio. Il quale con molta cautela ha spiegato: «Il mio dovere è quello di fare prima tutti i provvedimenti a costo zero, come ad esempio l’abolizione dello spesometro. Poi dovrò provvedere alla costituzione di un fondo per il reddito di cittadinanza e di un fondo per il superamento della legge Fornero». Potrebbero quindi allungarsi i tempi per i due provvedimenti chiave del governo gialloverde, anche se il ministro del Lavoro ha assicurato: «Nei prossimi mesi daremo subito risposte agli italiani e faremo quindi il resto».

Quanto alle coperture, Di Maio ha garantito che il governo si batterà in Europa per chiedere più flessibilità. «Non ci stanno bene i parametri come sono», ha spiegato. «Andremo al tavolo con il massimo dialogo ma anche con fermezza, chiedendo lo stesso trattamento degli altri. Siamo il secondo Paese manifatturiero in Europa e siamo uno dei Paesi fondatori. Diremo qualche no in Europa per avere dei sì».

Un’impresa non semplice visto che, come ricordato dal ministro dell’Economia Tria al Corriere della Sera, reddito di cittadinanza, superamento della legge Fornero e flat tax (per dire solo alcuni tra i provvedimenti più popolari del contratto di governo) dovranno coniugarsi con l’obiettivo della riduzione del rapporto debito/Pil.

Leggi tutte le promesse di Luigi Di Maio

Redazione La Clessidra

Redazione La Clessidra

LEAVE A COMMENT