Turismo, Centinaio: «Più controlli sulle strutture e lotta agli abusivi»

turismo

Il ministro all’Agricoltura e al Turismo annuncia un giro di vite sugli abusivi e maggiori controlli sulla qualità delle strutture.

Più controlli per gli albergatori e più garanzie per i turisti. Questi gli obiettivi che il ministro all’Agricoltura e al Turismo Gian Marco Centinaio intende perseguire durante il mandato.

Il suo primo impegno, si legge su Huffington Post, sarà verificare che le stelle degli hotel e degli alberghi corrispondano alla realtà. «Le stelle – spiega il neo-ministro, che da sempre si è occupato di turismo e promozione del territorio – vengono date quando prendi la struttura. Ma se per caso hai preso 4 stelle trent’anni fa e nel frattempo non hai fatto nulla nel tuo albergo, lo standard si è dimezzato, ma tu vanti ancora 4 stelle. Non è giusto. Non può continuare così».

Il ministro annuncia anche una stretta sulle agenzie di viaggio online, colpevoli di «accettare tutto» e di non controllare «se, ad esempio, i bed & breakfast che pubblicizzano sul loro sito sono invece privati che si improvvisano e vendono ai turisti le stanze di casa loro». Previsti inoltre maggiori controlli sulle guide turistiche per limitare il numero di abusivi. «Il settore è strapieno di abusivi, invece per esercitare devono avere il patentino. Ma nessuno glielo chiede», spiega Centinaio. Per questo sono previsti «controlli a tappeto e multe molto salate. Questo far west del turismo deve finire».

«Con turismo e agricoltura assieme – aveva spiegato il ministro all’Ansa l’11 giugno – questo diventa un dicastero gigantesco, un dicastero della gestione e della promozione delle eccellenze del nostro Paese all’estero. Di conseguenza questo ministero diventa anche un ministero di marketing importantissimo. E questo – concludeva – è quello che voglio realizzare. Una grande operazione di marketing finalmente a livello mondiale, dove il nostro made in Italy diventa il nostro cavallo di battaglia».

Leggi tutte le promesse di Gian Marco Centinaio

Redazione La Clessidra

Redazione La Clessidra

LEAVE A COMMENT