Conte da Macron: «Ecco la proposta italiana per cambiare il regolamento di Dublino»

regolamento di dublino

Foto: Ansa

Conte e Macron hanno parlato soprattutto di immigrazione. Il premier italiano ha anticipato la proposta di modifica del regolamento di Dublino, che prevede un approccio integrato europeo al fenomeno.

Messe da parte, almeno momentaneamente, le tensioni tra Italia e Francia sulla vicenda Aquarius, nella giornata di ieri il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha incontrato Emmanuel Macron all’Eliseo. Al centro del colloquio il futuro dell’Unione Europea e, naturalmente, la delicata questione dell’immigrazione.

Conte e Macron hanno definito estremamente proficuo l’incontro. Il presidente del Consiglio, in particolare, dopo essersi detto d’accordo con il presidente francese sulla necessità di voltare pagina sui migranti, ha annunciato un nuovo vertice Italia-Francia che si svolgerà a Roma nel prossimo autunno. Un’occasione, ha spiegato, «per rafforzare la nostra collaborazione» in merito.

Il punto di contatto tra i due è stata la necessità di riformare il regolamento di Dublino. L’Italia, ha dichiarato Conte, «sta preparando una proposta propria che non vede l’ora di condividere con gli altri partner in vista di formalizzarla alla prossima presidenza Ue austriaca». La proposta intende realizzare un «approccio integrato europeo» alla gestione dei flussi, poiché «nessuno può pensare di restare estraneo e lavarsi le mani rispetto al problema».

Nella sostanza si tratterebbe di «rafforzare a livello europeo i rapporti con i Paesi di origine e transito dei migranti per prevenire i viaggi della morte», di fatto creando hotspot nei vari Paesi di origine e non più solo in Libia, così da ridurre il numero di partenze. L’obiettivo, ha spiegato Conte, è creare in tempi brevi «presidi di protezione fuori dall’UE che possano gestire le richieste di asilo. Il problema delle risorse economiche c’è – ha ammesso – ma l’Italia non ne ha mai fatto un problema economico».

Leggi tutte le promesse di Giuseppe Conte

Redazione La Clessidra

Redazione La Clessidra

LEAVE A COMMENT