Bonafede al convegno del Csm: «Stop alla legge sulle intercettazioni»

legge sulle intercettazioni

Foto: La Nazione

Stop alla legge sulle intercettazioni, riapertura dei piccoli tribunali e tende di Bari tra i temi discussi dal ministro Bonafede al convegno del Csm.

Prendendo parte al convegno del Csm svoltosi a Roma lo scorso 22 giugno, il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede ha elencato i primi provvedimenti che intende presentare in Parlamento.

Al primo posto, si legge su Repubblica, ci sarà lo stop alla legge sulle intercettazioni. «Il provvedimento di blocco è già cominciato – ha dichiarato ai presenti – e la prossima settimana si riunirà il gruppo di lavoro che dovrà verificare quanti soldi finora sono stati spesi e cosa si può salvare».

Altro tema caldo è quello della geografia giudiziaria. Nelle intenzioni di Bonafede molti dei piccoli tribunali chiusi dovranno essere riaperti. Il governo gialloverde, ha affermato, si occuperà soprattutto delle zone più sensibili: «Il contratto non dice che saranno ripristinati. Ma ci sono istanze, luoghi difficili da raggiungere, oppure zone ad alta criminalità, in cui i presidio di legalità ha un’importanza particolare. Faremo un’analisi più dettagliata sulle singole situazioni eccezionali».

Per finire il ministro è intervenuto sulla questione delle tende di Bari, confermando il rifiuto del commissariamento. «C’è il ministro, ci sono io, e sin dal mio insediamento c’ho messo la faccia».

Leggi tutte le promesse di Alfonso Bonafede

Redazione La Clessidra

Redazione La Clessidra

LEAVE A COMMENT