Salvini: «Via le accise sulla benzina al primo consiglio dei ministri». Ma sono ancora lì

accise sulla benzina

La promessa del vicepremier di cancellare le accise sulla benzina al primo consiglio dei ministri non è mai stata rispettata.

 

«Al primo consiglio dei ministri punteremo a cancellare le sette accise sulle benzina perché, pare, che la guerra con l’Etiopia sia finita». Con queste parole, lo scorso febbraio Matteo Salvini annunciava di voler eliminare le accise sulla benzina già nel primo consiglio dei ministri.

Secondo il leader della Lega si trattava di un «impegno concreto, realizzabile, fattibile per eliminare le accise della benzina». «Più della metà del costo della benzina – spiegava – se ne va in tasse. Cosa faccio se vado al governo? Non ho bacchette magiche, ma faccio giustizia e le taglio. Non possiamo avere la benzina più cara d’Europa perché significa avere il costo della vita più caro d’Europa. Se sarò al governo eliminerò ognuna di queste accise riducendo il costo della benzina di 0.72 centesimi. Lasceremo euro in più nelle tasche degli italiani. Con me una tassa di 80 anni fa non esisterà più».

Salvini: Nel primo consiglio dei ministri elimineremo sette accise della benzina

A un mese esatto dal giuramento del governo gialloverde, e a diverse settimane di distanza dal primo consiglio dei ministri, della cancellazione delle accise sulla benzina non c’è traccia.

Non solo: secondo fonti interne, riprese dal Corriere della Sera e dal Fatto Quotidiano, il governo starebbe valutando la proposta di un aumento del prezzo del diesel, che verrebbe di fatto parificato a quello della benzina. Al momento, comunque, non c’è alcuna certezza in merito.

PROMESSA NON RISPETTATA

Leggi tutte le promesse di Matteo Salvini

Redazione La Clessidra

Redazione La Clessidra

LEAVE A COMMENT