Assegno per figli fino a 18 anni a carico e salario minimo: così il Pd cerca di ripartire

assegno per figli a carico

400 euro al mese fino a tre anni e 240 fino a 18: il Pd intende dare alle famiglie un assegno per figli a carico. Al via la discussione sul salario minimo legale.

Il Pd cerca di ripartire. E lo fa con una iniziativa presentata da Matteo Renzi in campagna elettorale: il sostegno alle famiglie con figli. Come riporta Adnkronos, la proposta di legge presentata ieri in Parlamento prevede un assegno per figli a carico fino a 18 anni di importo pari a 240 euro al mese, che diventano 80 dai 18 ai 26 anni. A questo si affianca un ulteriore assegno, fino a 400 euro al mese per i figli fino ai tre anni di età, per coprire le spese di asilo, babysitter e altri servizi. Previste misure aggiuntive per figli con disabilità.

Per il segretario reggente Maurizio Martina si tratta di «una proposta equa, realistica e concreta che proponiamo all’attenzione del governo: ci dicano quando e come discutere in Aula e siamo pronti. Sull’efficacia delle proposte noi battiamo la maggioranza». In questo modo, ha proseguito, il Pd dimostra di essere l’unica «alternativa politico-culturale al governo gialloverde, una alternativa possibile, con il Pd al centro, a questa maggioranza».

Il reggente ha poi precisato che il partito presenterà anche la proposta di introduzione del salario minimo legale per chi non ha un contratto nazionale, con il taglio del costo del lavoro di 4 punti in cinque anni. «Da qui – ha concluso Martina – parte un percorso. Faremo vivere queste proposte nel Paese, fino a settembre lavoreremo all’ascolto e alla condivisione delle nostre proposte in tutte le feste dell’Unità e in tutto il Paese».

Leggi tutte le promesse di Maurizio Martina

 

Redazione La Clessidra

Redazione La Clessidra

LEAVE A COMMENT