Firmato il decreto sulla nuova continuità territoriale da e per la Sardegna

continuità territoriale

Il ministro dei Trasporti ha firmato ieri il decreto sulla nuova continuità territoriale Sardegna-Penisola. Il provvedimento passerà ora alla Commissione Europea e dovrebbe entrare in vigore da aprile 2019.

È stato firmato nella giornata di ieri dal ministro Toninelli il decreto di imposizione degli oneri di servizio pubblico per la continuità territoriale aerea tra la Sardegna e la penisola. Si tratta del primo passo per l’istituzione del nuovo bando per l’assegnazione delle rotte. Come rilevato dalla Nuova Sardegna, provvedimento dovrà essere inviato alla Rappresentanza permanente d’Italia presso l’Unione Europea al fine di informare la Commissione europea.

Oltre alla conferma delle riduzioni per i residenti, la nuova continuità territoriale prevede l’istituzione di tetti massimi di spesa per i non residenti e tariffe agevolate, equiparate a quelle dei residenti, per viaggiatori disabili, studenti universitari, under 21 e over 70. Saranno incrementate le frequenze dei voli e i posti offerti sulle tratte.

Soddisfazione è stata espressa dal ministro dei Trasporti, per il quale si tratta di un «decisivo passo in avanti per salvaguardare il diritto a una mobilità adeguata per i sardi e per tutti i viaggiatori, portando a conclusione la procedura di definizione del nuovo regime degli oneri di servizio pubblico per gli aeroporti di Cagliari, Alghero e Olbia con Roma e Milano».

Il decreto entrerà in vigore dal 1 aprile 2019 e sostituirà quello precedente, emanato nel 2013. La scelta di portare avanti la battaglia sulla continuità territoriale, avviata dall’ex ministro Graziano Del Rio, era stata annunciata a giugno dal neo parlamentare pentastellato Nardo Marino.

Leggi tutte le promesse di Danilo Toninelli

 

Redazione La Clessidra

Redazione La Clessidra

LEAVE A COMMENT