Primarie Pd: Minniti prossimo alla candidatura? La conferma nei prossimi giorni

L’ex ministro dell’Interno dovrebbe sciogliere il nodo nei prossimi giorni. A sostenerlo Renzi e i suoi, ma anche tanti sindaci e amministratori locali. Ma solo pochi mesi fa Minniti sosteneva la segreteria di Martina e dichiarava: «non parteciperò alle primarie Pd».

primarie Pd

Ormai sembrerebbe cosa fatta. L’ex ministro degli Interni Marco Minniti sembrerebbe sul punto di confermare la propria candidatura alla guida del Partito Democratico alle primarie del 2019. Nel momento in cui scriviamo gli unici candidati ufficiali sono Nicola Zingaretti, Matteo Richetti, Francesco Boccia, Cesare Damiano e Dario Corallo. In campo potrebbero però scendere l’ormai ex segretario reggente Maurizio Martina e l’ex ministro Minniti.

La conferma della candidatura dovrebbe arrivare tra la fine di questa settimana e l’inizio della successiva. A sostenere Marco Minniti non ci sarebbero solo l’ex segretario Renzi e l’ala renziana del Pd, ma anche una fitta rete di sindaci e amministratori locali. Come riportato dal Sole 24 Ore, sarebbe proprio l’ex titolare del Viminale l’unico in grado di sfidare il governatore del Lazio Zingaretti.

Leggi anche: Minniti rifiuta la leadership del Partito Democratico: «Martina resti fino al 2021»

Più che sui temi economici e sociali, finora il confronto a distanza tra i due big si è giocato sulla visione politica e sulle alleanze. Se Zingaretti parla dei 5 Stelle come di vittime subordinate alla Lega, lasciando intravedere un possibile accordo in vista delle prossime elezioni, Minniti sposa invece la linea dura. L’obiettivo dell’ex ministro è far recuperare al Pd la vocazione maggioritaria e renderlo nuovamente protagonista della vita politica italiana, superando il bipolarismo M5S-Lega.

Se, come sembra, Minniti dovesse accettare di candidarsi alla guida dei Democratici sarebbe un vero e proprio passo indietro rispetto a quanto dichiarato questa estate. «Non esiste», aveva risposto alla domanda su una sua possibile candidatura alla guida del partito fatta da Luca Telese e David Parenzo durante la trasmissione In Onda su La7. Al contrario, in quella circostanza l’ex ministro si dichiarava fervido sostenitore della segreteria di Martina che, diceva, «dovrebbe restare in carica fino al 2021, a meno che non si dimetta o non venga sfiduciato».

Leggi tutte le promesse di Marco Minniti

Redazione La Clessidra

Redazione La Clessidra

LEAVE A COMMENT