Manovra finanziaria, Salvini assicura: «Quota 100 partirà a febbraio»

Per il vicepremier Quota 100 non si tocca e partirà da febbraio. Sembra confermato il divieto di cumulo per chi sceglie di ritirarsi prima dal mondo del lavoro. Prorogata l’Ape sociale per tutto il 2019: «Misura utile e complementare a Quota 100».

quota 100

La Lega non ha alcuna intenzione di rinunciare a Quota 100. A confermarlo è Matteo Salvini, che sulle tempistiche ha poi annunciato: «Quota 100 entrerà in vigore all’inizio del 2019, non ad aprile. Se non sarà a gennaio per motivi tecnici al massimo sarà a febbraio». Così il vicepremier tenta di mettere a tacere le voci che davano per certo un passo indietro dell’esecutivo su reddito di cittadinanza e superamento della legge Fornero in seguito alle tensioni con Bruxelles.

«Stiamo lavorando giorno e notte, o meglio lo stanno facendo gli esperti, per valutare quanti soldi effettivamente nel 2019 serviranno per garantire il superamento della Fornero, la riduzione delle tasse alle partite Iva, il reddito di cittadinanza. Quando ci sarà la somma totale – ha spiegato Salvini – investiremo i soldi che eventualmente avanzeranno in tutela del territorio, strade, ponti, montagne, fiuni e andremo a Bruxelles a testa alta, portando rispetto e chiedendo rispetto con l’obiettivo di far crescere questo Paese».

Sembra ormai certo che chi andrà in pensione a 62 anni dovrà sottostare al divieto di cumulo tra fino a 5 anni. Confermato anche il meccanismo delle finestre mobili: tre mesi per il settore privato, sei mesi per il pubblico. Obiettivo del governo è estendere a tutti il sistema dei 41 anni di contributi entro il 2023, come previsto dal contratto. In questo modo si arriverebbe a un graduale superamento della legge Fornero.

L’esecutivo ha infine scelto di mantenere l’Ape sociale, ovvero il finanziamento ponte a carico dello Stato per consentire il pensionamento ai lavoratori in condizione di disagio ormai prossimi al raggiungimento dell’età pensionabile. «Abbiamo scelto di mantenere questo strumento perché utile per particolari categorie e complementare a quota 100», ha spiegato il sottosegretario al Lavoro Claudio Durigon. «Al termine del prossimo anno vedremo quali scelte fare».

Leggi tutte le promesse di Matteo Salvini

Redazione La Clessidra

Redazione La Clessidra

LEAVE A COMMENT