Elezioni regionali in Basilicata: trionfa il centro-destra. Pesante sconfitta del Pd

Con oltre il 42% dei consensi, il candidato di centro-destra Vito Bardi è il vincitore delle elezioni regionali in Basilicata. Prosegue la fase di crisi del Pd, che perde oltre 16 punti dal 2013. Il M5S passa dall’8% al 20% e si afferma primo partito, nonostante il 40% ottenuto alle politiche del 4 marzo.

elezioni regionali in basilicata

Foto: Lettera 43

Si sono svolte ieri le elezioni regionali in Basilicata. Sebbene lo spoglio non sia ancora concluso, appare ormai evidente la vittoria della coalizione di centro-destra (che al momento è data al 42,2% dei voti), guidata dall’ex generale della Guardia di Finanza Vito Bardi. Al secondo posto la coalizione di centro-sinistra guidata da Carlo Trerotola, ferma al 32,86%, seguita dal Movimento 5 Stelle (al 20,6%) e da Basilicata Possibile (4,29%). L’affluenza si attesta al 53,58% degli aventi diritto, in aumento rispetto alle elezioni del 2013.

Quanto alle singole forze politiche, il M5S conquista oltre il 20% dei consensi e si impone come primo partito. Segue la Lega, con il 18,82%. Decisamente più indietro gli altri partiti, a cominciare da Forza Italia (9,1%) e Partito Democratico (circa 8%). Si tratta di un risultato importante per il centro-destra, che è riuscito a imporsi alla guida della regione da oltre 20 anni roccaforte del centro-sinistra.

Sorprende in particolare il risultato della Lega, che guadagna più di 10 punti rispetto alle politiche del 4 marzo 2018. E mentre Antonio Tajani si augura che «La Lega stacchi la spina dopo le europee, se non intende perdere consensi ed essere considerata corresponsabile di questo pessimo governo», Silvio Berlusconi esulta: «La Basilicata si è data finalmente un buon governo! Complimenti a tutti gli amici lucani che hanno saputo votare bene!».

Delude invece il risultato del Pd, che ha perso circa il 16% dei voti rispetto alle regionali del 2013 e prosegue il trend negativo testimoniato dalle sconfitte in Abruzzo e in Sardegna. Con tutta probabilità, a incidere è stata non solo la fase di crisi che i Dem attraversano ormai da oltre un anno; ma anche le vicende che hanno visto coinvolto l’ex governatore Marcello Pittella, agli arresti domiciliari per effetto della legge Severino in seguito al suo coinvolgimento nell’inchiesta sulla sanità lucana.

Quanto al Movimento 5 Stelle, se confrontato con la competizione del 2013 – quando i pentastellati, entrati da neanche un anno in Parlamento, si fermarono all’8,97% – il risultato di ieri è indubbiamente un grande passo avanti. La situazione cambia notevolmente se si confronta il dato con i risultati ottenuti alle politiche del 4 marzo, quando nella regione il M5S prese ben il 44% dei voti. Dal Movimento si mostrano soddisfatti del risultato: «I 5 Stelle si confermano primo partito in Basilicata», dichiara il Senatore Arnaldo Lomuti. Quindi l’invito a non confrontare tornate elettorali di diversa natura: «Le elezioni politiche sono una cosa, le regionali un’altra e le comunali un’altra ancora».

Redazione La Clessidra

Redazione La Clessidra

LEAVE A COMMENT