Manovra 2020: braccio di ferro tra M5S e Pd su Quota 100

La proposta del Pd intende ridurre le finestre d’uscita a partire dal 2020, così da risparmiare 500-600 milioni da destinare a Opzione donna, Ape sociale e taglio del cuneo fiscale. Ma il M5S fa quadrato sulla riforma delle pensioni: «Non creeremo altri esodati».

quota 100

A ridosso dalla presentazione della Nota di aggiornamento al Def, il confronto tra M5S e Pd sulla nuova legge di bilancio entra nel vivo. Ad accendere il confronto tra le forze di governo la proposta, avanzata dai Dem, di intervenire su Quota 100. La richiesta è semplice: ridurre le finestre d’uscita per i pensionamenti anticipati così da risparmiare tra i 5 e i 600 milioni di euro nel 2020, in modo da prorogare per un anno Opzione donna e Ape sociale e permettere il taglio del cuneo fiscale.

In particolare, la proposta sostenuta da Pd intende allungare i termini per la decorrenza delle nuove pensioni senza modificare Quota 100, che rimarrebbe così in vigore fino alla scadenza naturale nel 2021. I tecnici del Mef devono fare però i conti con le resistenze del Movimento 5 Stelle e di Liberi e Uguali. Ecco perché, in contemporanea, sarebbe al vaglio anche un’altra opzione: una rimodulazione soft che si applichi ai lavoratori che matureranno i requisiti a partire dal 1° gennaio 2020, lasciando tutto invariato per chi matura i requisiti entro il 31 dicembre 2019.

Leggi anche: Cosa cambia per le pensioni con Quota 100: tra proclami e realtà

Il M5S non sembra però disposto a cedere. «Quota 100 scade nel 2021 e va portata a termine senza modifiche», ha commentato la ministra del Lavoro Nunzia Catalfo. «Quota 100 non si tocca. Faremo muro. Io non creo altri esodati. Il M5S non farà mai quello che ha fatto Elsa Fornero», le ha fatto eco Luigi Di Maio. La questione, già al centro del vertice svoltosi ieri notte a Palazzo Chigi, sarà al centro del consiglio dei Ministri previsto per oggi. Verosimilmente, il governo si esprimerà sul futuro di Quota 100 in quell’occasione: entro domani, infatti, l’esecutivo deve inviare a Bruxelles la Nadaf contenente l’indicazione delle risorse da utilizzare nella manovra.

Redazione La Clessidra

Redazione La Clessidra

LEAVE A COMMENT