Decreto Milleproroghe: il Senato approva con voto di fiducia

Concessioni autostradali, rc auto familiare, liberalizzazione del mercato energetico e incentivi per scooter elettrici: ecco le principali misure previste dal decreto Milleproroghe, approvato ieri dal Senato con voto di fiducia.

decreto milleproroghe

Foto: Il Fatto Quotidiano

Con 154 voti favorevoli e 96 contrari, il Senato ieri ha approvato con voto di fiducia il decreto Milleproroghe. Il testo – composto da 44 articoli e già validato alla Camera – ha subito pesanti modifiche dopo l’approvazione da parte delle commissioni Bilancio e Affari costituzionali, tanto da essere stato definito da diverse testate giornalistiche una «legge di bilancio bis».

Di seguito riportiamo le principali novità contenute nel provvedimento.

Annullato il rinvio per le detrazioni con pagamento elettronico

Secondo quanto riporta Il Corriere della Sera, nel testo non sarebbe presente il rinvio – dal 1° gennaio al 1° aprile 2020 – dell’obbligo di pagamenti tracciabili per ottenere le detrazioni fiscali in tutta una serie di ambiti, dalla palestra alle visite dentistiche.

Novità per il personale medico

Un emendamento del governo stabilisce la possibilità, per i medici, di rimanere in servizio anche una volta superati i 40 anni di attività (ma non oltre i 70 anni di età). Allo stesso tempo, al fine di agevolare il turn-over, il provvedimento prevede che i medici specializzandi possano esercitare la funzione a tempo determinato e con orario part time già dal terso anno di corso.

Concessioni autostradali e infrastrutture

Facendo un passo ulteriore verso la revoca delle concessioni autostradali, il decreto Milleproroghe dispone che, in caso di revoca, decadenza o risoluzione del contratto, il servizio venga affidato temporaneamente ad Anas. Contestualmente, il «rimborso» che lo Stato dovrebbe erogare a favore di Società Autostrade scenderebbe dagli attuali 23 miliardi a 7 miliardi di euro. Inoltre, il provvedimento posticipa (fino al massimo al 31 luglio) il termine per l’aumento dei pedaggi autostradali.

Viene poi stanziato 1 milione di euro all’anno tra il 2020 e il 2022, che passerà a 5 milioni all’anno dal 2023 al 2034, per finanziare la transizione ecologica del trasporto pubblico di Roma.

Regioni e bollo auto

Il decreto Milleproroghe modifica la normativa in materia di assicurazioni e bollo auto, stabilendo che le somme riscosse rimangano interamente nelle casse delle Regioni «al fine di incentivare gli investimenti sui territori».

Al via il mercato libero per l’energia

A partire dal 1° gennaio 2022 è previsto il passaggio al mercato libero per l’energia e il gas naturale per le microimprese e per uso domestico.  Approvato anche il cosiddetto «bonus verde», che dispone detrazioni del 36% per gli interventi di riqualificazione di terrazzi e giardini.

Rc auto

A partire dal 16 febbraio, è entrata in vigore la nuova normativa in materia di Rc auto familiare. Essa permette di applicare a tutti i veicoli di uno stesso nucleo familiare la classe più conveniente tra quelle applicate, ed è valida sia per i nuovi contratti che per quelli già in corso.

Incentivi per l’acquisto di motorini elettrici

Prorogati al 2020 gli incentivi per l’acquisto di scooter e motorini elettrici o ibridi con rottamazione dell’usato (da euro 0 a euro 3). Previsto un contributo pari al 30% sul prezzo d’acquisto fino a un massimo di 3 mila euro.

Prevista una stretta sugli incentivi alle auto ecologiche. Un emendamento del M5S dispone l’abbassamento della soglia dei grammi di biossido di carbonio emessi per chilometro per poter accedere al bonus rottamazione.

Nuove norme per i monopattini elettrici

La legge di bilancio appena approvata equipara i monopattini elettrici alle biciclette, senza fissare limitazioni di alcun tipo. Il decreto Milleproroghe fa un passo ulteriore e prevede in primo luogo la proroga di un anno del periodo di sperimentazione, oltreché una serie di norme volte a garantire la tutela degli utenti della strada. In particolare, i monopattini potranno essere guidati solo da persone che abbiano compiuto almeno 14 anni e solo su strade urbane con limite di 50km/h. Il limite di velocità per i monopattini elettrici è fissato a 25km/h. Potranno inoltre circolare nelle zone pedonali, con un limite di velocità di 6km/h.

Tutti gli utilizzatori sono obbligati a usare giubbotto o bretelle retroriflettenti nelle ore notturne, mentre l’utilizzo del casco è obbligatorio per i minori di 18 anni. Per i trasgressori delle norme sono previste sanzioni da 100 a 400 euro.

Sostegno ai lavoratori delle aziende in crisi

Lo Stato si impegna a intervenire in favore dei lavoratori di aziende in crisi attraverso la proroga della Cassa integrazione straordinaria per i lavoratori ex Ilva. Prevista anche la Cigs per un anno per le imprese situate nelle aree di crisi industriale in Campania e Veneto, e mobilità in deroga per le aree di Venezia-Porto Maghera e altre della Campania.

Stabilizzazione dei precari nella PA

Un emendamento si propone di favorire le assunzioni di personale nelle Province e proroga, fino al 31 dicembre 2021, i termini per la stabilizzazione dei lavoratori precari della pubblica amministrazione. Questi ultimi avranno tempo fino a dicembre 2020 per maturare i tre anni di servizio, negli ultimi otto, necessari per l’assunzione a tempo indeterminato.

Slitta il sistema PagoPA

Posticipato a luglio 2020 l’obbligo di utilizzo della piattaforma PagoPA per i pagamenti della pubblica amministrazione e per il bollo auto.

Nuove norme in materia di class action

Le nuove norme in materia di class action prevedono la possibilità, per il cittadino, di partecipare direttamente al processo civile telematico. La loro entrata in vigore slitta però a ottobre 2020 per ritardi tecnici da parte del ministero della Giustizia.

Moratoria sulle trivelle

La moratoria sulle trivelle, già prevista dal decreto semplificazioni (convertito in legge nel febbraio 2019), viene prorogata di altri 6 mesi, per un totale di 24 mesi, in attesa dell’approvazione del Piano per la transizione energetica sostenibile delle aree idonee.

Slittano le nomine dei vertici delle Authority

Il rinnovo dei vertici dell’Agcom e del Garante della Privacy vengono posticipate alla primavera: gli attuali dirigenti rimarranno in carica fino al 31 marzo.

Adeguamento alle nuove regole del codice degli appalti

Il decreto Milleproroghe concede più tempo ai concessionari di lavori o servizi pubblici per mettersi in regola con le nuove norme del codice degli appalti, che prevede l’obbligo di istituire gare per l’80% dei contratti che superino i 150 mila euro previsti per l’affidamento diretto.

Daniele

Daniele

LEAVE A COMMENT